Qui al ristorante c’è tutta una vita da raccontare: ci sono piatti, stagioni, cibi autentici e sapori veri.
Tutti racchiusi in un libro: La Credenza The New Season.

SFOGLIA IL LIBRO

Sfoglia il libro

tartufo

Abbiamo inaugurato il mese di ottobre con un ospite speciale sulla nostra tavola: il tartufo.

Pregiato e profumato porterà nuovi sentori e sapori ai piatti del nostro menù.
Vi consigliamo di prenotare e di richiederlo in anticipo.

chiara patracchini


Ha conquistato i palati dei più golosi, facendosi  notare per la sua grande capacità e determinazione in cucina. I gusti sono quelli della memoria, le sperimentazioni sono quelle mirate a miscelare dolce e salato all’interno di menù ricchi. Piccoli dettagli, eleganza e armonia degli ingredienti fanno parte delle sue ricette.

Di chi stiamo parlando?

Dal 23 febbraio al 12 marzo Montréal unisce ai festeggiamenti per il suo 375° compleanno la diciottesima edizione di Montréal En Lumière, uno dei festival invernali più importanti del Nord America che accoglie oltre un milione e quattrocentomila visitatori l’anno.

Il programma dedicato alla cucina rende Montréal En Lumière un avvenimento senza eguali: chef da tutto il mondo offriranno esperienze di gusto straordinarie fatte di racconti, scambi, sapori e piatti.

Torino è stata rappresentata da uno dei suoi fiori all’occhiello: Giovanni Grasso, coadiuvato per l’occasione da Chiara Patracchini, è stato ospite del ristorante Graziella di Montréal e della sua chef, Graziella Battista, il 23 e il 24 febbraio 2017.

Dal tonno di coniglio, piatto povero ma dal gusto inimitabile nato per “ingannare” la Quaresima, alla qualità sublime della battuta di Fassona, passando dal risotto con i peperoni - due veri e propri tesori del territorio- e dal guanciale di vitello accompagnato da deliziose verdure povere ma ricche di gusto, fino ad arrivare a una preziosa mousse al cioccolato e pere pensata e realizzata da Chiara Patracchini, i piatti di Giovanni Grasso hanno raccontato la storia di un territorio generoso e ricco di tradizione, storia e creatività.

Comunicato stampa

Presentazione

Montréal en lumière - Les invités internationaux de la programmation gastronomique

 

AssaggiTeatro2017-IgorMacchiaGiovanniGrassoLasagna_roma-gourmet445blg.jpg Un gioco di interpretazioni e rimandi che si dipana tra le assi del palcoscenico e le cucine dei grandi Chef di Torino. Così si può leggere Assaggi di Teatro 2017, un percorso goloso attraverso il quale assaporare il bello e il buono del teatro. Gli Chef Giovanni Grasso e Igor Macchia prendono parte a questo gioco di contaminazioni portando dal palcoscenico al piatto la loro lettura di un grande personaggio del teatro contemporaneo. È infatti dedicata a Tony Pagoda di Paolo Sorrentino, magistralmente interpretato da Iaia Forte e in cartellone al Teatro Gobetti di Torino dal 21 febbraio, l’inedita Lasagna di pasta all’uovo, cavolo e cardi brasati, spinaci selvatici, fontina e nocciole.
Il piatto speciale dedicato da Giovanni Grasso e Igor Macchia al protagonista potrà essere gustato per due settimane, a partire dal primo giorno della programmazione, al ristorante La Credenza di San Maurizio Canavese. Chi esibirà il biglietto dello spettacolo riceverà inoltre in omaggio una sorpresa golosa.

www.assaggiditeatro.it

AssaggiTeatro-MorteDanton-calamaro-Credenza_500.jpgGli chef Giovanni Grasso e Igor Macchia dedicano per Assaggi di Teatro a Morte di Danton di Georg Büchner (in scena al teatro Carignano dal 9-2-2016 per la regia di Mario Martone, con Giuseppe Battiston) il Calamaro farcito con riso selvaggio, verdure e zenzero fresco.

La dedica culinaria di Assaggi di Teatro si gusta a pranzo e a cena dall’11 febbraio 2016 per due settimane. Coloro che pranzano o cenano a La Credenza e presentano il biglietto del Teatro ricevono: sconto del 10% sul Menu Gastronomico e sconto del 10% sull'acquisto, presso il ristorante, del libro "La Credenza, the new season".

Ricetta d’autore e relazione fra opera e piatto si consultano su www.assaggiditeatro.it

La cartolina di Assaggi di Teatro dedicata è distribuita gratuitamente nel foyer del teatro Carignano di Torino e presso il ristorante La Credenza.

Informazioni e prenotazioni

nataleCi vediamo per le Feste?
Abbiamo preparato i menù per i prossimi momenti di festa: Natale e Capodanno con noi per assaporare il bello della tradizione e il gusto di festeggiare in compagnia.
Scoprite i menu delle feste:

Menu di Natale 2015

Menu di Capodanno 2015

ristorante“Ingredienti buoni del territorio interpretati in modo particolare e fuori dell’ordinario”. Questo è il filo conduttore che già molti altri grandi chef internazionali hanno scelto per avvicinare la loro (alta) cucina a tutti e sembra valere anche per il team de La Credenza chiamato a sostenere questa importante collaborazione per il primo Concept Store di Coop. La scelta di questo tipo di cucina più democratico nasce dall’esigenza di coniugare una cucina semplice, comprensibile e di qualità in modo più informale e alla portata di tutti.
Partendo dai prodotti della distribuzione Fior Fiore di Coop gli chef de La Credenza - Giovanni Grasso e Igor Macchia - vogliono portare un nuovo “lusso” qui in Galleria San Federico a Torino: non è più una questione di prezzo, ma sono le cose piccole e semplici a dare valore alla cucina.
Il Ristorante, 30 coperti al massimo a pranzo e cena, propone un menù che è l’esplorazione e l’esplosione dei sapori dei prodotti del territorio: crema di cavolfiore, spiaci e gamberi saltati, battuta di fassone (piemontese è ovvio!) con insalata di cavolo e acciughe, pasta fresca “fatta in casa”, verdure e frutta di stagione inserite nel menù per dare freschezza e riportare un senso di appartenenza al cibo che è rispetto, conoscenza ed emozione.
Anche la carta dei dolci lascia spazio alle cose buone del territorio: dalla torta di mele rivisitata al lingotto al gianduja e nocciole caramellate.
Le ricette e i piatti rispondono anche ad un criterio di replicabilità: chi viene a fare la spesa a FiorFood e si ferma a mangiare al Bistrot o al Ristorante scoprirà il piacere di cucinare a casa i prodotti della propria spesa.
Anche i vini rispecchiano il criterio democratico della cucina: i prezzi al Ristorante sono gli stessi che troverete sullo scaffale. La carta dei vini è una selezione di etichette che includono anche grandi vini e 24 sono le etichette che si possono degustare anche al bicchiere.

Lo scorso 30 novembre abbiamo avuto il grande onore di ospitare lo chef Simone Zanoni.

simone zanoniUna cena a 4 mani che ha visto protagonista il caffè Kafa di Lavazza sapientemente ed elegantemente interpretato dagli chef Igor Macchia e Simone Zanoni, unico italiano con due stelle Michelin in Francia, responsabile della cucina all’hotel di lusso Trianon Palace di Versailles e allievo di Gordon Ramsay.

 

FaLang translation system by Faboba